LED, nel 2023 coprirà il 94% del mercato dell’illuminazione pubblica

Secondo Navigant Research il mercato dei Led, complice il crollo dei prezzi, è maturo per imporsi. Manca però la contropartita dei sistemi di controllo dell'illuminazione stradale, un mercato ancora poco strutturato

Più efficienti, controllabili, in grado di migliorare la visibilità notturna e di ridurre i costi legati ai consumi energetici. I dispositivi LED per l'illuminazione stradale pubblica sono, da qualche anno a questa parte, sempre più utilizzati e il recente calo dei prezzi da listino, li stanno rendendo una tecnologia sempre più competitiva. Perché quote e periodi di ammortamento sono diventati ragionevoli, con o senza incentivi statali. A ribadirlo sono i dati contenuti nel report  “Smart Street Lighting” redatto da Navigant Research, secondo cui la quota di mercato dei Led è destinata a toccare, a livello mondiale, quota 93,8 % nel 2023, rispetto all'attuale 53,3%.

Metà delle vendite coperta dai sistemi a Led
"L'aumento delle vendite di lampioni a LED è stato sorprendentemente rapido e sono moltissime le aziende che dichiarano che più della metà delle loro vendite è ormai coperta da sistemi di illuminazione a diodi e che hanno in programma la sospensione della produzione di prodotti 'tradizionali'"- affermaJesse Foote, senior research analyst di Navigant Research. Ribadendo come stia ugualmente crescendo l'attenzione verso i sistemi di controllo chiamati a gestire i sistemi di illuminazione stradale.

Il mercato dei sistemi di controllo sta cerscendo, ma è ancora acerbo
Le due componenti dovrebbero, di fatti, andare di pari passo. Se il mercato dellelampade è maturo, stessa cosa però non può dirsi di quello dei sistemi di controllo via rete. Questo settore si sta sviluppando con più lentezza e probabilmente ci sarà bisogno di un pò di tempo prima che arrivi a strutturarsi. Ciò che manca, evidenzia il report, è una standardizzazione dei sistemi e un numero eccessivo di player di mercato che propongono dispositivi molto diversi fra loro pur di ritagliarsi una nicchia di mercato e di aggredire la concorrenza. Ci sono però, conclude Navigant, tutte le condizioni affinché anche il settore dei controlli raggiunga una sua stabilità e organizzazione.

I commenti sono chiusi